Una Vipera in città [Elementa…

L’uguaglianza in ogni relazione è un errore. Lo sa da molti anni. Una parte ha sempre più potere, più controllo, su una situazione. Forse non tengono tutte le carte, ma possiedono abbastanza da considerare il mazzo accatastato. Lo scambio di pari non è qualcosa che accade molto spesso, nella sua esperienza.

Perché anche allora, lo scambio è quasi mai uguale.

” Sei tranquillo.”Jamie inizia, le ginocchia doloranti mentre cerca di nasconderlo in un tratto più lento e languido. Non sta ingannando il suo compagno, il suo respiro che arriva nelle nuvole nebbiose davanti a lei.

“Mi scuso, avevo l’impressione che ogni parola uscita dalla mia bocca fosse una bugia e che tu non desiderassi che parlassi.”

Sono seduti in una macchina gelida in un parcheggio per lo più abbandonato. È una concessione che Jamie non ha fatto facilmente, l’esposizione non è di suo gradimento. Questo era ciò che è stato negoziato, e lei non si allontanerà da un’altra possibilità di continuare il suo studio di Joan Watson.

L’osservazione ha colpito un nervo scoperto e Watson si sposta, tirando la sciarpa sulla bocca e stringendosi ulteriormente nella giacca. Lei indossa solo leggings, Jamie pensa che lei deve essere congelamento.

” Potresti dirmi di più su chi stiamo cercando.”

” Perché Joan, pensavo che conoscessi il caso in avanti e indietro e certamente non avessi bisogno del mio aiuto.”

Watson espira il respiro vapore e si agita. Sembra a disagio e Jamie sente un piccolo sorriso vendicativo alla base del suo stomaco. Si lascia andare alla deriva sulla sua faccia. Le piace avere ragione.

“Bene, l’ho fatto fino a quando non abbiamo ricevuto una chiamata dall’agente Matoo che diceva che conoscevi le persone che stavano facendo questo.”

Jamie lo considera per un momento, e poi respinge la supposizione di Watson. Non sapevano nulla dell’assassino, del vero assassino, prima che Jamie ne venisse a conoscenza nella lettera più recente di Sherlock. Aveva dovuto intervenire-stavano operando cieco e nessuno è stato permesso di ucciderli, ma Jamie. Pensava di averlo detto chiaramente quando aveva ucciso Devon Gaspar. Evidentemente, si era sbagliata e Sherlock era incappato nel mirino di uno degli assassini più pericolosi che Jamie avesse mai commesso l’errore di impiegare. “E’ un modo molto particolare per assassinare qualcuno, lasciando un certo numero di serpenti esotici estremamente aggressivi nel loro appartamento.”Aveva contattato l’agente Matoo, offerto di aiutare, anche se l’avevano rilasciata mesi fa.

” Sai chi è stato.”Si dice categoricamente, rassegnato.

” Solo per reputazione.”Non dirà a Joan come il lavoro per cui lo aveva assunto fosse andato a pezzi, e quanti serpenti aveva dovuto uccidere prima che l’uomo avesse rinunciato alla sua ricerca vendicativa per eliminarla, irritata dal fatto che avesse continuato a spedirglieli a pezzi. Sapeva meglio che mettere alla prova la sua pazienza, ed era rimasto ben fuori del suo modo dopo aver imparato quella lezione. Jamie sapeva che ci avrebbe riprovato. Era solo questione di tempo. “La vipera ha il suo set di morale, se vuoi, il lavoro che ho offerto non si è allineato con loro e sono stato rifiutato. Questo è, per inciso, il modo in cui ho incontrato Sebastian Moran. Tutto il meglio a lungo termine, si suppone.”

” L’hai spaventato così tanto che si è ucciso.”

Jamie considera Watson vuoto. “Certo che l’ho fatto, Joan. Era un peso, Sherlock conosceva la sua faccia e conosceva la mia, beh, conosceva quella di Gaspar.”

Watson si allontana, il suo respiro un soffio nuvoloso. “Questo è il motivo per cui non voglio farlo.”

” Non stiamo facendo nulla.”

” Più a lungo trascorro con te, più sembri sociopatico.”

Lei tuts, basso sul suo respiro. Non le e ‘ mai piaciuto quel paragone. “Non un tesoro sociopatico, solo meglio della maggior parte di tutti. Ma anche i migliori sono autorizzati a commettere errori di volta in volta.”

” E cosa, minacciare di uccidere la sorella di Moran se non si fosse suicidato era il tuo modo di correggere un errore?”

Le labbra di Jamie disegnavano una linea sottile. Lei non vuole avere questa conversazione. Vuole tornare a flirtare con l’idea di Joan Watson, la bellezza e la forza che tutto consuma di lei. E ‘ troppo reale. “Non è un errore”, sospira Jamie. “Mi piaceva Sebastian. Era bravo in quello che volevo che facesse. Non è mai facile terminare l’occupazione chiunque tu abbia lavorato bene con.”

” Sono solo affari per te, non è vero, distruggere la vita delle persone.”

” Il mio business è il potere, Joan. Gioco il gioco e lo gioco per vincere. “Sono migliore, più evoluto. Nessuno mi vedra ‘arrivare finche’ non sara ‘ troppo tardi.”Espira, inclinando la testa da un lato. Watson è bello nella luce fioca della macchina. Jamie lascia che i suoi occhi si chiudano, guarda in basso, imbarazzato dalla sua debolezza. “Nessuno, salvo te, Joan.”

” Se questa è la tua idea di adulazione…”

” Lo sapresti se lo fosse.”Jamie sorride, piccolo e genuino. Sembra strano sul suo viso, solo un’altra maschera che indossa.

Watson lascia fuori un harmph di aria, seduto sul suo sedile, le braccia incrociate sul petto. “Sto congelando”, dice, cambiando argomento. Watson si allontana sempre da chi è veramente Jamie. Significa che Jamie non potra ‘ mai lasciarglielo dimenticare. Questo è il gioco che Jamie gioca con lei.

“Avresti potuto indossare i pantaloni.”

” Questi sono leggings termici”, risponde Watson. Jamie alza un sopracciglio, tutto sfida alla logica di non indossare i pantaloni quando la temperatura è in bilico ben sotto lo zero. “E ho calzini caldi sotto di loro.”

” Potremmo spostarci sul sedile posteriore, se hai freddo.”È un suggerimento audace, la parte di questo che non riconoscono apertamente a nessuno. Sherlock può aver visto, ma Jamie sarà dannato se lei lo ammette a lui.

“Questa è una pessima idea, dovremmo essere in appostamento.”

Jamie lampeggia innocentemente. Lei non stava proponendo che vanno snog sul sedile posteriore come adolescenti, semplicemente che potrebbero essere sempre più vicino significava più caldo.

“Le tue supposizioni sulla mia integrità sono incoraggianti.”

” Non sapevo ne avessi affatto.”

Jamie si sporge in avanti, gli occhi stretti e la mano cattura la spalla di Watson così rapidamente che Watson non ha il tempo di reagire. “Mantengo le mie promesse Watson. Sicuramente lo sai ormai.”Watson è caldo sotto la sua giacca; Jamie vuole arricciarsi in quel calore. Tutto è meglio di questa macchina infernale.

Watson distoglie lo sguardo, con le dita guantate che si arricciano intorno a Jamie e le rimuovono dalla sua persona. “Lo so.”Jamie si chiede cosa deve essere costato a Watson ammetterlo.

” C’è chimica qui.”È un gioco d’azzardo.

Watson si sposta, sciarpa che cade da dove è stato coprendo la bocca. Sembra fredda come Jamie, le dita si arricciano nella manica della giacca. Non dice niente per molto tempo. Jamie guarda il suo respiro nebbia lo spazio tra di loro, osserva come si dissipa e riccioli, caldo e rugiada, contro le finestre. Una parte perversa di lei li pensa adolescenti, abbracciando la notte fredda e condividendo il calore del corpo. Ma non lo sono, non proprio.

Sarebbe una possibilità?

” Lavoriamo… bene insieme.”Watson si lecca il labbro. Jamie si ritrova, catturata, affascinata dal movimento e dal modo in cui la saliva luccica sulle labbra di Watson, indugiando, distogliendo la sua attenzione da qualsiasi cosa tranne quelle labbra. Vuole vederli gonfi, rossi di baci, separati in rilascio. L’ha visto prima, solo una volta, ed è stato alla ricerca di una scusa per mesi per vederlo di nuovo.

” Lo facciamo.”Jamie si sposta, gomito scavando nel bracciolo tra di loro. Sono venuti molto vicini ora, discutendo e tremando nella fredda aria di dicembre. Jamie potrebbe toccarla, se volesse. Jamie potrebbe averla, ma non e ‘cosi’ che dovrebbe andare. Avere Watson significa farle credere di avere il controllo. Sottomettersi a quella menzogna, guidarla dalle sue ginocchia.

Anche Jamie lo farebbe.

Vuole vedere se Watson sarebbe andato così lontano di nuovo.

Watson è appoggiato, il suo respiro caldo sulla guancia fredda di Jamie, gli occhi chiusi a metà.

Da qualche parte, in lontananza, si sente un rumore e poi il rombo di un’esplosione. Watson si masturba, una maledizione sibilata alle sue labbra. Lei tira giù il berretto sopra le orecchie e guarda Jamie, leccandosi le labbra ancora una volta. “Questa conversazione non è finita.”

” Sono sicuro.”Un sorriso ironico tira alle labbra di Jamie. Avra ‘ gia ‘ Watson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.