Normandia, ducato di. Le origini del ducato di Normandia si trovano in una concessione di territorio intorno a Rouen fatta all’inizio del 10 ° secolo. dal re dei Franchi occidentali a un capo vichingo di nome Rollo. Questa concessione iniziale è stata integrata da altri e il tutto è stato forgiato in un’entità politica coerente durante il 10 ° secolo. dai discendenti di Rollo. I rispettivi ruoli all’interno dello sviluppo del ducato di connessioni e cultura scandinave sostenute, in contrasto con l’adattamento e l’assimilazione nell’ambiente franco del territorio, è un argomento controverso; mentre molti aspetti del patrimonio scandinavo della Normandia rimangono molto evidenti nei primi 11 ° secolo., il carattere essenzialmente franco e cristiano del suo governo e società certamente indica un processo di assimilazione a, e sfruttamento di, forme esistenti. Entro i primi anni del 11 ° secolo. Normandia ancora mantenuto connessioni politiche ed economiche con la Scandinavia e coloni scandinavi in Gran Bretagna e Irlanda. Ma i monasteri venivano rifondati, i vescovati si stavano riprendendo, il governo era condotto secondo schemi franchi e la società assumeva una struttura feudale tipica delle regioni limitrofe. Allo stesso tempo, Normandia divenne il centro di un vasto movimento di conquista e colonizzazione in Europa meridionale e la Gran Bretagna che durò per gran parte del 11 ° secolo. Perché questo dovrebbe essere successo è difficile da spiegare; turbolenza interna e una dinamica ereditata dal passato vichingo possono giocare un ruolo, ma è notevole che la società francese settentrionale nel suo complesso era in un periodo di espansione. Le grandi conquiste nel Mediterraneo e in Gran Bretagna sono meglio interpretate come un movimento normanno guidato che ha assorbito le energie di un gran numero di individui intraprendenti provenienti da molte regioni del nord della Francia; la conquista normanna della Gran Bretagna, per esempio, è stata una migrazione relativamente breve durata che coinvolge bretoni, fiamminghi, e altri, così come i normanni, guidati da un grande guerra-leader Guglielmo il Conquistatore, uno stereotipo-se di successo—sovrano di un principato territoriale francese. Il posto della Normandia al centro di un movimento colonizzatore si è concluso nei primi decenni del 12 ° secolo., sebbene le sue connessioni lontane subirono molto più a lungo. La sua storia è poi dominata da guerre con altri principati francesi, che in alcuni aspetti fondamentali non sono altro che una continuazione della politica volatile della Francia settentrionale per tutto il periodo dell’esistenza del ducato. Enrico I dovette faticare per difenderla, fu assorbita nell’impero angioino dopo la sua conquista da parte di Goffredo Plantageneto nel 1144 e, successivamente, nel regno francese nel 1204 dopo la sua conquista da parte di Filippo Augusto. I suoi tre secoli di esistenza indipendente hanno sostenuto alcune delle imprese più notevoli del periodo medievale. Tuttavia, in ultima analisi, la sua storia deve essere analizzata nel contesto della storia del regno francese; la sua espansione faceva parte dell’espansione della Francia, la sua ascesa e caduta era un elemento nella politica di quella regione, e la sua conquista finale fu portata dal re francese, al quale i duchi dovevano fedeltà. Nel 12 ° secolo. la sua storia interna è caratterizzata da una mancanza di impresa e innovazione una volta passati i grandi giorni di espansione, uno stato di cose evidente nel governo, nell’architettura e nell’apprendimento. Molti tra la sua aristocrazia possedevano terre in Normandia e in Inghilterra, ma altri risiedevano principalmente nel ducato; le loro azioni assistito la deriva allo status di una provincia di Francia. Dopo il 1204 molti magnati anglo-normanni abbandonarono le loro piccole proprietà normanne. Questo è stato seguito da una vasta colonizzazione della Normandia dalla Francia.

David Richard Bates

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.