La chitarra Duane Allman “Layla”?

VG Overdrive è sponsorizzato da MOD Kit fai da te.

Duane Allman è considerato uno dei più grandi talenti a prendere la chitarra, trasformando la musica attraversando i confini del rock, soul, blues, country, jazz e altri stili. La sua carriera fin troppo breve comprendeva centinaia di sessioni di registrazione (molte non accreditate) per vari artisti da Wilson Pickett e Aretha Franklin ai suoi gruppi (the Clessidra, the Allman Joys, the Allman Brothers Blues Band), e il suo incredibile lavoro sulle sessioni di Derek and the Dominos con Eric Clapton.

Foto di Duane Allman: Robbie Cantrel

Le sessioni e il successivo album hanno fornito un’eccellente vetrina per una certa Gibson Les Paul goldtop del 1957 con numero di serie 7 3312, che il suo attuale proprietario ha ampiamente studiato e crede sia stata inclusa nella maggior parte del lavoro di Duane Allman, inclusa quella che è probabilmente la sua più importante – la canzone”

Scot Lamar, che ora possiede la chitarra, dice che Allman acquistò la goldtop alla fine del 1968 o all’inizio del ‘ 69, molto probabilmente dalla Lipham Music di Gainsville, in Florida, che vendette molti strumenti a Duane e ai compagni Dickey Betts e Berry Oakley.

Nel settembre del ’69, la Allman Brothers Band suonava al Peabody Auditorium di Daytona Beach con l’opening act Stone Balloon, il cui chitarrista, Rick Stine, suonava un semplice sunburst ’59 Les Paul Standard.

“A Duane piace la chitarra, quindi scambia il suo goldtop, 200 dollari in contanti e un Marshall head da 50 watt per il ‘Burst”, ha ricordato Mike Boulware, un ex direttore di un negozio di musica specializzato in strumenti vintage e che ha aiutato Lamar a tracciare la storia della chitarra.

Scot Lamar 1977 con la sua Gibson Les Paul appena acquistata e appena spogliata.

Non volendo separarsi dai pickup nella sua goldtop, Allman fece mettere uno dei suoi roadies nel sunburst – un evento comune all’epoca, quando la parola “vintage” non era applicata alle vecchie chitarre.

“Ho visto Duane suonare in una battaglia delle band al mio liceo – Gainesville High – nell’ottobre del 1969”, ha osservato Boulware. “Ero nella troupe a quello spettacolo, che è stato sponsorizzato da Lipham Music.”

Stine apparentemente in seguito vendette la chitarra localmente e da qualche parte lungo la linea la finitura dorata fu levigata dalla sua cima.

Fast forward al 1977 e Coastal Music, un piccolo negozio a Daytona Beach, dove il proprietario Jim Omby lo prende in commercio. Il giocatore locale Billy Bowers vede la chitarra e chiama il suo amico Scot Lamar, che la compra.

“Avevo uno studio di registrazione”, disse Lamar. “Billy sapeva che amavo Les Pauls e sapeva di avere i soldi per comprarlo.”

Più tardi quell’anno, Lamar portò la chitarra alle chitarre di Gruhn, a Nashville, per avere la parte superiore rifinita in oro, e avere un pezzo di legno sostituito sul retro della paletta dove un cane l’aveva apparentemente masticata. Decidendo che non gli piaceva il top così com’era, nel luglio del ’78 portò la chitarra a Tommy Stinson di Strings and Things, a Memphis, sperando di ottenere un oro più accurato applicato. Poi, nel 1997 – quando l’arte di rifinire la chitarra era molto più raffinata – Lamar arruolò Tom Murphy nella storica divisione di Gibson.

“Ha rifinito l’intera chitarra e ha fatto il suo famoso trattamento” storico””, ha detto Boulware. “Finalmente ha ottenuto l’oro giusto.”

Nel tentativo di stabilire credibilità, qualsiasi chitarra che viene fornita con una storia come questa affronta seri ostacoli. E naturalmente questo non è aiutato dal fatto che nessuno che girava con gli Allman avrebbe potuto sapere 30 anni fa che un giorno tali dettagli sarebbero importanti. Ma Lamar dice la prova che questo è in realtà goldtop di Duane si trova nelle foto della paletta che mostra il vecchio numero di serie. C’è anche un video di Allman che suona questa chitarra, girato dall’inizio del 1969 e fino alle sessioni di Layla. Il documentario di Tom Dowd The Language of Music fornisce informazioni su Duane come suonatore, gli Allman Brothers in generale e il goldtop in particolare, come è, nelle parole di Boulware,” facilmente riconoscibile ” nel video da un particolare motivo nell’intarsio di perle al 15 ° tasto.

Chitarra foto: Jeff Gage. Archivio foto per gentile concessione di Scott Lamar.

“Ho incontrato di nuovo la chitarra mentre lavoravo alla Sabine Music alla fine degli anni ’80”, ha osservato Boulware. “Scot l’ha portato per me e Charlie Hargrett per autenticarlo. Charlie, che era un membro fondatore dei Blackfoot e aveva condiviso il palco con Duane e la chitarra, stava lavorando a Sabine dopo aver lasciato Blackfoot per un po’. E nel 2001 sono andato da Scot per ispezionarlo e documentarlo ulteriormente, e mi sono convinto che questa fosse la chitarra di Layla.

“Nella mia ricerca, ho confrontato tutti gli intarsi per scoprire che tutti corrispondono alle foto conosciute di Duane che suona la chitarra”, ha aggiunto. “E sono perfettamente visibili in molti video clip, come quelli girati al Love Valley Festival che ha seguito il secondo Festival pop di Atlanta.”

Prima di ottenere questa chitarra, Allman suonò slide in sessioni con Clarence Carter e altri, ma lo sviluppo della band coincise con il suo tono slide emergente come propria voce. Non a caso, che in parallelo il commercio settembre ’69 per il goldtop.

Determinare quali canzoni ABB Duane ha usato il goldtop per registrare è reso difficile dal fatto che coloro che erano presenti ricordano cose diverse. I ricordi personali dei concerti ABB giocano un ruolo, così come i registri di studio. E Boulware riconosce che entrambi possono essere sospetti. “Ad esempio, il Layla log mostra che le sovraincisioni sono state fatte nell’ottobre del 1970, quando i fratelli erano effettivamente tornati sulla strada”, ha detto. “E il tastierista dei Dominos Bobby Whitlock ricorda che “Layla” è stato fatto prima che Duane se ne andasse. Ha anche reso una nota accorata dicendo che questo era lo strumento principale usato da Duane in questo periodo, ed era molto irremovibile sul fatto che fosse la chitarra su ‘Layla.'”

I registri di studio confermano che ci sono due set di registrazioni Live at Fillmore East, aggiunge. “Uno, nel febbraio 1970 (dal consiglio dei Grateful Dead), e la versione più nota del marzo del ’71, fatta dopo che Duane vendette la goldtop. Si sente nel primo set di Fillmore records, così come il primo album degli Allman Brothers, Idlewild South e the Layla sessions.”

Considerando la lunghezza del tempo in cui è stata di proprietà di Allman, così come le registrazioni classiche che ha contribuito a fare, Lamar e Boulware ritengono che questa sia la chitarra più importante nella storia di Allman.

(TOP) Primo piano del numero di serie originale sul goldtop Lamar. (SOPRA) E oggi.

“Il suo tono, per me, rappresenta l’apice del rock, soprattutto perché è stato usato su ‘Layla’, insieme al famoso tono Stratocaster di Clapton”, ha detto Boulware. “Non solo questa era la più importante delle sue molte chitarre, ha contribuito a plasmare il suo suono slide marchio di fabbrica.

“Siamo tutte persone diverse perché abbiamo sentito Duane”, ha aggiunto. “Ha fatto il suo discorso più eloquente con la bocca chiusa e le orecchie e il cuore aperti.”

Lamar presta regolarmente la chitarra ai suonatori per esibizioni pubbliche,sessioni di registrazione, ecc. “Per me è un pezzo d’arte, come un dipinto o una scultura, con l’ulteriore vantaggio di suonare come Dio che chiama il tuo nome”, ha detto.

(A SINISTRA) La tastiera del goldtop di proprietà di Scot Lamar, come sembrava nel 1977. (A DESTRA) E oggi.

Un ringraziamento speciale a Charlie Hargrett per lo sfondo e la ricerca. Un membro originale di Blackfoot, ha condiviso il palco con Duane e il ‘ 57 goldtop più di una volta. Grazie anche a Billy Bowers. Scopri di più sulla chitarra a duaneallmansgoldtop.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.