I nostri orfani immaginari preferiti

batmanne In Moonrise Kingdom di Wes Anderson, Suzy, un topo di biblioteca devoto, dice che ha sempre desiderato di essere orfana perché la maggior parte dei suoi personaggi preferiti lo sono. “Le loro vite sono più speciali”, dice. Molti giovani lettori si sentono come lei. Essere senza genitori fa appello al loro senso di avventura e individualismo. Abbiamo compilato una lista dei nostri esempi preferiti dell’archetipo nella finzione-chi ci è mancato?

Piccola orfana Annie: La serie a fumetti Annie of Harold Gray era amata anche prima che ispirasse il musical di Broadway Annie del 1977. Post-musicale, Annie è un fenomeno completo. Alzi la mano se tu fossi in almeno una produzione di questo spettacolo nella scuola elementare.

Anne Shirley: Parlando di entusiasti orfani dai capelli rossi di nome Anne (con una “e”), parliamo di Anne Shirley, la star della straordinaria serie di Lucy Montgomery. È un miracolo che una ragazza come Anne possa essere così contemporaneamente fastidiosa e amabile, ma lei lo tira fuori con facilità.

Harry Potter: Un “prescelto” orfano con un segno del destino? Harry è un amalgama di molti tropi archetipici impressionanti, anche se il suo viaggio è tutto suo.

Cenerentola: In alcune versioni di questa storia, Cenerentola è completamente orfana; in altre, suo padre non dà il culo a una zucca quello che le succede. In tutte le versioni, Cenerentola deve sopportare alcuni gravi abusi per mano della sua famiglia. Ovviamente ci vuole un pedaggio mentale, perché lei inizia a parlare con i topi, allucinazioni fata madrine, e borbottando pantofole di vetro.

Josef Kavalier: Se non hai già letto Le avventure di Kavalier di Michael Chabon & Clay, vai su questo. L’incredibile storia di Joe Kavalier è una vera esplosione del cuore.

Qualsiasi protagonista Roald Dahl. Dahl ama uccidere i genitori dei suoi protagonisti in modi ridicoli, come con rinoceronti arrabbiati (vedi: James e la Pesca gigante). Il narratore senza nome delle Streghe è rimasto recentemente orfano e Sophie, l’eroe del BFG, vive in un orfanotrofio abusivo quando il Grande Gigante amichevole titolare la trova. Nei rari casi in cui Dahl non uccide i genitori, li rende malvagi al 100% (vedi: Matilda; La meravigliosa medicina di George).

Tom Sawyer: I genitori di Sawyer non sono nella foto, e il suo amico Huck potrebbe anche essere un orfano considerando i suoi Pop di spreco di spazio. Due giovani ragazzi + le rive del Mississippi + nessuna guida dei genitori = malizia leggendaria.

Jane Eyre: orfana da bambina e sottoposta a un’infanzia orrenda, Jane Eyre emerge come un’adulta infuocata e indipendente con una ricca vita interiore. Ha davvero unghie essere una persona.

Frodo Baggins: “Gli hobbit sono davvero creature incredibili”, Gandalf spesso opina nel Signore degli Anelli. Ma Frodo in particolare è incredibile. Perse i suoi genitori a 12 anni in un incidente in barca, fu adottato da Bilbo e divenne l’unica anima in tutta la Terra di Mezzo in grado di resistere al potere dell’Unico Anello. Non si inchina a nessuno.

Oliver Twist & the Artful Dodger: ci sarà una scena dell’orfanotrofio più iconica di quella in cui Oliver implora: “per favore signore, voglio ancora un po'”? Ci sarà ogni essere un ladruncolo più coinvolgente che l ” abile Dodger? Tocca a te, fiction.

Tarzan: C’è un’intera sottocategoria di storie sui bambini abbandonati in natura, in genere allevati dagli animali. Mowgli del libro della giungla di Rudyard Kipling e della serie Tarzan di Edgar Rice Burroughs sono l’epitome di questo motivo selvaggio.

Batman: Batman è stato creato nel momento in cui Bruce Wayne ha assistito all’omicidio dei suoi genitori. Ma il Crociato Incappucciato è tutt’altro che l’unico supereroe che ha avuto sfortuna con gli affitti. Superman, Spider-Man, Hulk, Daredevil, Robin, Aquagirl e innumerevoli altri eroi sono cresciuti come orfani. E ‘un po’ triste.

Daenerys Targaryen: Praticamente ogni personaggio di George RR Martin è orfano o sta per diventarlo. Ma nessuno di loro è così accattivante come Daenerys e la sua covata di draghi. Partorire esseri mitici nel bel mezzo di una pira funebre è piuttosto difficile da battere.

Abbiamo tralasciato uno dei tuoi orfani preferiti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.